Elettrosmog: ArpaER manterrà le attuali procedure di vigilanza e controllo

L’ARPA Emilia Romagna comunica la difficoltà ad applicare le disposizioni contenute all’art. 14 della L. 221/12 (Agenda Digitale), e che riguardano il nuovo metodo di confronto con i limiti di esposizione. Prende posizione mantenendo le vecchie procedure di valutazione delle pratiche e relativi controlli.

Fonte: arpa.emr.it, 16/7/2013 

Recepite le nuove linee di Indirizzo del Sistema Agenziale: ArpaER, per ora, manterrà le attuali procedure di vigilanza e controllo.

(16/07/13)

Il recente Decreto Legge 179/12, convertito con modifiche dalla Legge 221/2012, nell’articolo 14 ha apportato importanti modifiche al DPCM  08/07/2003. La sua completa attuazione, tuttavia, necessita dell’emanazione di linee guida ISPRA/ARPA/APPA e di aggiornamenti delle norme tecniche.

Le principali novità riguarderanno le modalità di confronto del valore di campo elettrico, stimato/misurato, con i valori di riferimento. In attesa dell’entrata in vigore di questi fondamentali documenti, per mantenere il presidio sulla materia, il Sistema Agenziale ha deciso di conservare le attuali procedure di vigilanza e controllo. L’unico adempimento immediatamente attuabile riguarda la misura a 1,5 m dal suolo, rispetto alle precenti indicazioni inserite nelle norme CEI in vigore.

Per maggiori dettagli è possibile consultare le linee di indirizzo Guida del Sistema Agenziale.