Polab nelle scuole – Campi elettromagnetici e buone pratiche

“Per i campi io ho l’occhio”

Laboratorio didattico – Uso consapevole delle tecnologie

I campi elettromagnetici sono presenti in natura e l’uomo è da sempre esposto alla loro azione. Negli ultimi anni, l’aumento dell’uso delle fonti artificiali di campi elettromagnetici (elettrodotti, sistemi di telecomunicazioni, telefoni cellulari, ecc…) ha fatto nascere l’esigenza di una corretta informazione dell’uso consapevole della tecnologia al fine di prevenire rischi per la salute.

Polab, attraverso i laboratori rivolti gli studenti delle scuole medie si propone di stimolare la conoscenza del problema, dare la giusta informazione sul ruolo delle antenne di telefonia mobile, diffondere un’informazione dettagliata sul corretto utilizzo di smartphone, tablet, portatile, analizzando anche gli aspetti comportamentali e sociali ad esso legati, toccando anche i temi della dipendenza. Le informazioni che diamo ai ragazzi ha una positiva e forte ricaduta su tutta la cittadinanza, veicolando l’informazione stessa attraverso il canale “famiglia”.

I ragazzi sono stimolati attraverso il gioco: dopo la lezione in aula, il laboratorio si conclude con un evento – competizione formativa.

L’innovatività del percorso formativo sta nell’uso di eyEM: alla classe viene fornito un gruppo di sensori portatili di rilevamento eyEM che diventano “occhi elettromagnetici” personali e tracciano i comportamenti dei ragazzi in termini di esposizione alle radiazioni.

logo eyEM 500x500 senza payoff

Polab nelle scuole – Campi elettromagnetici e buone pratiche

imgeyEMlab
progetto_formativo_6 eye